Questo uovo mi girava nella testa da un bel po’: dovevo farlo. E appena ho avuto l’occasione di dover utilizzare l’albume, in un’altra ricetta, ne ho approfittato. Bisogna però avere delle uova fresche altrimenti il tuorlo si rompe quando lo separiamo dall’albume. La preparazione è facile, si possono preparare anche in anticipo e conservarli in frigo. L’aggiunta di erbe aromatiche è una mia rivisitazione della ricetta originale. Si possono utilizzare sopra una fetta di pane, oppure su una crema di parmigiano o su un purè di patate.

Uovo fritto secondo Cracco

Ingredienti:

  • 4 Uova
  • Pane grattugiato q.b.
  • Erbe aromatiche q.b.
  • Olio di arachide q.b.

Procedimento:

Mescolare in un vassoio il pane grattugiato con le erbe aromatiche tritate. Rompere le uova, separare i tuorli dagli albumi, molto delicatamente senza che i tuorli si rompano. Fare degli incavi nel pane grattugiato e versarvi il tuorlo, ricoprire con altro pane grattugiato e mettere in frigo per almeno 2 ore.

Scaldare l’olio, portarlo a temperatura 170°; utilizzando dei mestoli appoggiatevi l’uovo, facendo attenzione a non romperlo.

Cuocere per 0,30/ 1 minuto

Ricetta di Vittoria Tassoni 

Valori nutrizionali elaborati dalla Dottoressa Letizia Ciambella Biologa Nutrizionista
Info: [email protected]
Instagram: dr.ssa_ciambella_nutrizionista

Abbinamento vino a cura di Cristiana Curri 

Con il fritto si sposano bene le bollicine e per questo uovo di Vittoria ho pensato al Metodo Classico Brut di Decugnano dei Barbi (Orvieto, TR), un blend di Chardonnay e Pinot Noir in parti uguali. Le uve sono selezionate accuratamente e la sboccatura avviene totalmente a mano. L’affinamento avviene in grotte naturali a temperatura costante per almeno 48 mesi. Un prodotto elegante e dalle fragranze classiche di crosta di pane e fiori gialli dal perlage fine e persistente. 
Instagram: Cristiana Curri – ChiccheCris