I paccheri ripieni di pesce è un piatto invitante e suntuoso, nonostante possa essere un preparazione economica. Per questo è un primo piatto adatto ad un pranzo o ad una cena importante come la cena di San Silvestro.

Il prezzo del piatto dipende dal pesce che sceglierai. Puoi utilizzare vari tipi di pesce, ma anche i ritagli della sfilettatura del pesce utilizzato per l’antipasto, mettendo in atto il sistema virtuoso della cucina circolare e sostenibile.

La cottura del pesce richiede attenzione.

Il pesce ha le carni delicate che necessitano di una tempistica di cottura precisa. Un prolungato tempo di cottura, a meno che non sia un polipo sottovuoto, renderà le carni stoppacciose.

Il piatto è adatto per tutta la famiglia, da 2 a 99 anni, come scrivevano nelle scatole dei giochi da tavola.

Il ripieno può essere preparato in anticipo e conservarlo dentro una sac a poche in frigorifero, pronto per essere usato. Possiamo prepararlo la mattina, e tenerlo in frigo ben chiuso fino al momento del suo utilizzo.

Ingredienti per i paccheri ripieni di pesce

per 4 persone, tempo di preparazione 30 min + cottura al forno  

  • 300 g di pasta tipo paccheri
  • 400 g di pesce misto di lago pulito
  • 1 lt di brodo di pesce, vedi sotto
  • 2 zucchine
  • 20 g di maizena 
  • 20 g di burro
  • sale, pepe
  • olio evo q.b.

Preparazione:

  1. Prendi il pesce e mettilo in una padella con due cucchiai di olio evo
  2. Fai cuocere e metti tutto in un mixer per frullare
  3. Frulla il pesce insieme ad un pochino di brodo di pesce se occorre
  4. Taglia le zucchine a strisce sottilissime e metti sopra un po’ di sale per farle ammorbidire
  5. Cuoci la pasta scolandola 4 min prima del tempo necessario
  6. Prepara una salsa velante( besciamella più leggera) con 500 g di brodo di pesce, il burro, la maizena e aggiusta di sale e pepe
  7. Fredda la pasta e poi riempi i paccheri utilizzando una sac a pochè con il ripieno di pesce 
  8. Prendi i paccheri riempiti nel numero stabilito ( 5/6 paccheri)
  9. Avvolgi le strisce di zucchina intorno ai paccheri ripieni
  10. Mettili in una pirofila in ceramica mono porzione da forno o dentro uno stampino monouso in alluminio, che avrai oleato e cuoci a 170°C per 15/20 minuti
  11. Togli dal forno, attendi un attimo e gira su un piatto dove avrai messo un cucchiaio di salsa velante, versa anche sopra altra salsa velante e spolvera con un pò di pepe.

Come fare il brodo di pesce

Per il  brodo di pesce si possono utilizzare gli scarti ( teste, code, gusci di gamberi). Non usare pesci come lo sgombro che sono molto grassi. Taglia le lische e gli scarti. Togli gli occhi e le branchie e lascia il tutto a bagno per circa 15 min per togliere eventuale sangue e sapore di fango. 

Ingredienti per il brodo di pesce

  • ritagli e scarti del pesce
  • 1/2 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 2 gambo di prezzemolo
  • 1 foglia di alloro
  • 3 grani di pepe
  • 1 scorzetta di limone
  • 1/2 bicchiere di vino 
  • acqua q.b.

Preparazione

  1. Metti  tutto in una pentola e porta ad ebollizione.
  2. Fai bollire per 20 minuti schiumando spesso ( togliendo la schiuma che si forma).
  3. Filtra il brodo e metti in frigo. Si mantiene per 3 giorni, ma se vuoi avere una scorta, quando è freddo lo metti nei contenitori del ghiaccio e congelarlo, ce lo avrai sempre pronto all’occorrenza.

La Sommelier Cristina Baglioni consiglia il seguente vino:

  • Est Est Est di Montefiascone DOC

Valore nutritivo a porzione

  • Energia (kcal) 315
  • Proteine(g)      28
  • Lipidi (g)        1.5
  • Carboidrati (g)  58
  • Fibra totale (g)  1.4
  • Sodio (mg)      80
  • Potassio (mg)  454
  • Ferro (mg)      1
  • Calcio (mg)     18
  • Fosforo (mg)   351
  • Magnesio (mg)    61

Valori nutrizionali elaborati dalla Dott.sa Letizia Ciambella

Info: [email protected]

Instagram:dr_ssa_ciambella_nutrizionista

  • Contiene i seguenti allergeni: cereali, pesce, latticini, sedano.

Conoscere gli ingredienti

Nella ricetta dei paccheri ripieni di pesce ho utilizzato: il pesce persico e il coregone, due pesci del lago di Bolsena.

Il Persico, chiamato anche pesce trota, originariamente non faceva parte della nostra fauna, ma è originario del Nord America. Compare in Italia verso la fine dell’800.

Anche il coregone del Lago di Bolsena non è un specie autoctona, ma è arrivato verso la fine dell’800 dal Lago di Costanza. Furono incubate a Roma le uova e poi gettate nel Lago di Bolsena gli avanotti di coregone.

Il coregone è una PAT, è stato inserito nell’Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della provincia di Viterbo.