Panna cotta alla lavanda

Anche io ho voluto provare la cucina con la lavanda, Alessandra dell’Azienda il Bosco Incantato, me ne ha dato un mazzetto per la festa della lavanda a Tuscania ed io, a Cupi, ho voluto provarla. Il sapore è forte ma devo dire che nel cibo e giustamente dosata è...
Leggi di più

Ciambelline con vino rosso e saba

Dilemma.. E cosa ci faccio con tutta la Saba che mi ha portato Teresina ? Ecco: Facciamo le ciambelline, un buon sapore e cioè sapore di saba ! Ciambelline con vino rosso e saba Ingredienti 200 g di farina korasan 300 g di farina 00 150 g di zucchero 100 g di vino...
Leggi di più

Spaghetti alla chitarra al ragù di cinghiale

In questa ricetta ho usato ho fatto degli spaghetti alla chitarra impastati con il vino. La farina è la farina Korasan dell’Azienda Agricola Antica tenuta Della Giovanna, una farina di grano duro che assomiglia più ad una di tipo 1 o 2 di grano tenero, molto fluida e...
Leggi di più

Fettuccine con Zucchine e Guanciale

Per questa ricetta ho usato delle fettuccine impastate con farina Senatore Cappelli dell’Azienda la Turchina, sono stata cotte con acqua e vino. Il vino utilizzato è il rosso delle Terre Giorgini di Santa Maria, 75 % sangiovese e 25 % merlot. La sua aromaticità è di...
Leggi di più

Torta di prugne e cannella

Cercavo una torta che potesse andare bene con le prugne, visto che, ne avevo in grande quantità. Ho iniziato a girare su internet, poi ho trovato questa, ho fatto dei cambi ed eccola qui pronta da mangiare! Ingredienti 2 uova grandi 150 g di zucchero 170 g di farina...
Leggi di più

Coniglio in porchetta

coniglio-porchetta

Ingredienti:

  • 1 coniglio da k 1,200 disossato
  • 3 patate medie
  • 6 salsicce
  • 200 g di pancetta o guanciale
  • aglio
  • 2 rametti di prezzemolo
  • erbe aromatiche
  • sale e pepe

 

Preparazione

Cuocere le patate a tocchetti in padella e lasciarle bianche. Tritare il pane con l’aglio e il prezzemolo, sbriciolare la salsiccia e aggiungere le patate schiacciate, fare come per il polpettone, regolare di sale e di pepe.
Aprire il coniglio salare un pochino aggiungere un po’ di fiore di finocchio e mettere all’interno il trito, arrotolare il coniglio e fasciare con il guanciale o la pancetta, legare con dello spago o arrotolare con la carta forno.

Cuocere a 200° per circa 40 /50 min.

Si può preparare anche mettendo all’interno i fegatini del coniglio stesso, ma non a tutti piacciono.

 

 

Gulash

gulash

Ingredienti:

  • 750g di manzo ( muscolo )
  • 2  cipolle    ( 750 g )
  • 50g di olio   ( strutto o lardo )
  • 1 cucchiaino di paprica extra dolce   ( 1 cucchiaio )
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/4 di cucchiaino di kümmel
  • 1/4 di cucchiaino di maggiorana
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • patate

 

Preparazione

Soffriggere la cipolla nell’olio finché è dorata, aggiungere paprica, aglio e il resto degli aromi. Aggiungere la carne tagliata a dadi e far rosolare bene. Salare, mettere il concentrato e sfumare con acqua calda fino a coprire la carne. Sobbollire fino a cottura ultimata. Pelare e tagliare le patate aggiungere alla carne e se occorre aggiungere altra acqua. Far cuocere le patate e a fine cottura aggiungere l’aceto.

 

 

Filetto di maiale in crosta di pistacchi

Filetto-di-maiale-in-crosta-di-pistacchi

Ingredienti:

  • 1 filetto di maiale
  • 1 l di vino rosso
  • erbe aromatiche
  • 1 limone
  • 2 arance
  • granella di pistacchi
  • 1 cucchiaio di farina
  • olio evo
  • sale e pepe

 

Preparazione

In un contenitore dai bordi alti raccogliete il vino rosso e le erbe aromatiche; immergete il filetto e lasciatelo marinare per qualche ora. Trascorso il tempo di marinatura, togliete il filetto e asciugatelo con carta assorbente da cucina, quindi salatelo, pepatelo e passatelo nella granella di pistacchi premendo bene per farla aderire.
In una padella antiaderente fate scaldare un filo di olio, disponete il filetto e fatelo rosolare bene da tutti i lati, facendolo sigillare e girandolo di tanto in tanto con l’aiuto di una pinza (girandolo con una pinza, si eviterà di bucherellarlo e di far fuoriuscire i suoi succhi).
Profumate con la scorza del limone grattugiata, facendo attenzione a non prelevare anche la parte bianca, sfumate con il succo delle arance e fate cuocere per una ventina di minuti. Una volta cotto, prelevate il filetto e tenetelo da parte in caldo.
Filtrate il vino utilizzato per la marinatura e raccoglietelo in padella; mettete sul fuoco , stemperare con la farina e fate ridurre fino a ottenere una salsa densa e cremosa.
Scaloppate il filetto – tagliandolo a fettine oblique – e nappatelo con la salsa. Completate con la scorza di limone e di arancia grattugiata e servite.

 

 

Scaloppina di pollo

scaloppine

Ingredienti:

  • 4 fette di petto di pollo
  • 2 limoni
  • capperi sotto sale
  • 1 scalogno
  • 1 bicchiere di brodo di pollo
  • prezzemolo
  • burro
  • farina
  • olio extra vergine  di oliva
  • sale e pepe

 

Preparazione

Tagliare  le fettine di pollo non tanto fine, asciugare cospargere con un po’ di sale e pepe su entrambi i lati. Infarinatele disponendone uno alla volta in un contenitore in cui avrete messo un po’ di farina scuotendole poi per eliminare l’eccesso.
Prendete una padella in acciaio e scaldatela a fuoco medio quando è in temperatura mettete un filo di olio mettere le fette di pollo. Le fettine non devono sovrapporsi , non muoverle per un paio di minuti quando saranno  dorate giratele anche dall’altra parte toglietele e tenete in caldo.
Nella padella ci sono rimasti dei fondi, abbassare il fuoco e aggiungere lo scalogno tritato, muoverlo con il cucchiaio o una spatola per non farlo attaccare, dopo circa un minuto dovrebbe declassare il fondo aggiungere i limoni spremuti  o il brodo di pollo oppure del vino bianco e sempre con un cucchiaio sciogliere i fondi. Quando il liquido si sarà ridotto abbastanza da poter bagnare le fette di pollo che avete già cotto senza farla affondare nel liquido unite i capperi e un po’ di prezzemolo tritato a piacere. Spegnere e aggiungere le fette di pollo, girarle per far aderire il liquido.

 

 

 

Risotto alla clorella su pomodoro infornato e parmigiano delle vacche rosse

Risotto alla clorella

Ingredienti:

  • 320 g di riso  S’Andrea D.O.P.
  • 500 g di pomodori pachino
  • erbe aromatiche ( timo, maggiorana, basilico )
  • 20 g di clorella
  • 1 scalogno
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 100 g di parmigiano delle vacche rosse
  • brodo vegetale o di pollo
  • burro q.b.
  • olio evo
  • sale

 

Preparazione

Lavare e tagliare a metà i pomodorini metterli su una placca da forno con la parte tagliata verso l’alto.
Condirli con sale, erbe aromatiche, basilico e versare sopra un filo di olio.
Mettere in forno a 160° per circa ore 1 ½, devono asciugarsi bene.
Una volta cotti trasferirli in una ciotola e passarli al minipimer.

Tritare lo scalogno e metterlo in una casseruola insieme a un po’ di olio e far soffriggere,
versare il riso e tostarlo leggermente, sfumare con ½ bicchiere di vino,
continuate la cottura aggiungendo poco per volta il brodo, verso la fine unire la clorella.

Quando il riso è cotto, aggiustare di sale e fuori dal fuoco mantecare con il burro e parmigiano.
Mettere nel fondo del piatto il pomodoro, al centro il riso e sopra aggiungere delle scaglie di parmigiano.

 

Questa ricetta partecipa al Contest Rice Food Blogger 2017 – Chef Giuseppina Carboni


Ricefoodblogger-1

chef-maitre

aifb
chefacademy

 

 

Chi Sono

Vittoria è un folletto allegro e colorato che di professione fa la caposala ed ha capito come si può curare l’amicizia con la buona cucina!
...... continua quì

Contatti

Suggerimento

Per ricercare le tue ricette partendo dagli ingredienti, inserisci le materie prime nella casella di ricerca cliccando sulla lente (separate dalla virgola) in alto a destra. Otterrai tutte le ricette realizzabili!

Categorie

Poesia

Epitaffio al vagabondo

Sempre vagabondò,
sperperò tutto senza lascià gnente,
mentre c’è chi sgobbò, soffrì e lasciò.

Si domanda chi fu più intelligente.

Titta Marini