Melanzane perline in agrodolce

Leccatevi i baffi Queste melanzane le ho scoperte dopo che mi è arrivato il pacco con tutte le verdure di fruit 24, non amo le solanacee per via della mia intolleranza, ma vedere queste piccole melanzane mi ha stuzzicato la voglia di provarle. Le ho fatte in modo...
Leggi di più

Pranzo in tecnicolor

Le ricette a volte ti vengono spontanee altre volte devi pensarci un pò, ma coniugare dietetica, piatto unico, e velocità di esecuzione non è facile. Questo piatto racchiude tutte le caratteristiche, ma è anche bello da vedere e colorato. Grazie a fruit 24 Peperoni...
Leggi di più

Mousse di gorgonzola con caviale

A volte delle idee semplici e veloci ci risolvono un pranzo o una cena. Questa preparazione è super veloce e si può preparare prima, assemblando in seguito soltanto gli ingredienti nel bicchiere. Mousse di gorgonzola con caviale Ingredienti x 4: 100 g di gorgonzola...
Leggi di più

Mezze maniche ripiene di ricotta e basilico con passatina di pomodori gialli

Avevo visto varie ricette di finger food con la pasta, e nello specifico dei paccheri. Molti una volta riempiti li friggono, invece i miei sono semplicemente riempiti di ricotta al basilico. Come salsa ho aggiunto i pomodorini gialli, più dolci dei pachino. Per dare...
Leggi di più

Crema di fagioli con tagliolini fritti

I fagioli si prestano a tante preparazioni, sia come primi piatti ( zuppe o minestre ) sia ad antipasti nel bicchiere come questo che ho preparato.Questa ricetta è stata presa dal libro di ricette “nel bicchiere”. Ero alla ricerca di una ricetta semplice, facile, e di...
Leggi di più

Gelato alla cipolla egiziana con baccalà mantecato e crumble alla nepitella su crema di patate

Mi sono iscritta al contest perché amo le sfide e amo sperimentare ricette. La cipolla mi è stata consegnata in ritardo ma già avevo un’idea di come utilizzarla. La cipolla Egiziana che non è egiziana ma Ligure: è un antico ortaggio di facile coltivazione e adattabilità, anche in condizioni disagiate, come siccità o freddo. La mia idea è stata di realizzare la cipolla per un gelato da servire con un baccalà mantecato, ma non il baccalà che intendono a Venezia e cioè lo stoccafisso, ma il baccalà sotto sale.
Nella ricetta ho usato la nepitella e una puntina di limone per dare freschezza alla preparazione mentre la croccantezza è data dal crumble e il colore dalle patate.

Gelato alla cipolla

Ingredienti:

  • 100 g di cipolla egiziana
  • 20 g di zucchero
  • 20 g di acqua
  • 90 g di latte
  • 60 di panna fresca
  • 20 g di olio evo

 

Procedimento:

Affettate sottilmente le cipolle e fatele riposare con un po’ di sale, poi sciacquate con cura.
In una pentola preparate lo sciroppo mescolando tutti gli ingredienti liquidi, poi aggiungere le cipolle. Fate raggiungere il bollore lasciando cuocere finché le cipolle non saranno morbide. Lasciate raffreddare completamente e riponete il contenitore in frigo per un giorno. Successivamente frullate e mettete in freezer. Al momento dell’utilizzo si manteca con un robot o con il Bimby.

Crumble salato

Ingredienti:

  • 10 g di farina di mandorle
  • 40 g di farina 00
  • 50 g di burro freddo
  • 10 g di grana padano
  • 1 rametto di nepitella
  • sale q.b.

Procedimento:

Versate nel mixer le farine, il grana grattugiato, il burro freddo a pezzetti, la nepitella e una presa di sale, azionate le lame per pochi istanti per il tempo necessario a creare un impasto sabbioso. Distribuitelo uniformemente su una teglia rivestita con carta da forno e cuocete in forno statico a 160° C per 15 minuti (o in forno ventilato a 140°C per 10 minuti). A cottura ultimata, sfornate il crumble e lasciatelo raffreddare.

Baccalà mantecato

Ingredienti:

  • 200 g di baccalà
  • 100 g di latte
  • olio evo q.b.
  • sale
  • pepe
  • buccia di limone grattugiata q.b.
  • nepitella q. b.

Procedimento:

Prendete il baccalà e sciacquatelo, togliere la pelle e mettere da parte.
Mettete il baccalà in una pentola e copritelo con il latte e fatelo cuocere per circa 20 minuti dal bollore, poi spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.
Scolate il baccalà ( ma sicuramente avrà assorbito il latte ), quindi con le mani sbriciolatelo completamente (togliete eventuali spine e pinne) in modo da lavorarlo più facilmente.
Mettete il baccalà in una ciotola, versatevi l’olio a filo mentre sbattete il pesce con un mestolo di legno per sfibrarlo (per almeno 15 minuti circa fino a che non ottenete una consistenza cremosa). Questa operazione può essere fatta anche con un frullatore, io ho usato la planetaria.
Aggiungere al baccalà, la buccia di limone grattugiata e aggiustare di sale e pepe, mantecare e se occorre anche altro olio.
La pelle del baccalà va messa a 120° in forno fino a che non si secca bene, quando è secca si lascia freddare e si sbriciola formando una polvere di stelle .

Crema di patate

Ingredienti:

  • 4 patate viola
  • latte q.b.
  • sale q.b.

Procedimento:

Pulire le patate e tagliarle a tocchetti cuocere con il latte e un pizzico di sale. Quando sono cotte schiacciarle con lo schiacciapatate e aggiungere altro latte per far si che diventi una crema liscia e omogenea senza grumi.

Composizione:

Mettere nel fondo la crema di patate, una quenelle di baccalà, il crumble di nepitella e una pallina di gelato alla cipolla d’egitto. Mettere sopra la polvere di stelle e un rametto di nepitella.

In questo caso ho aggiunto un pochino di liquido di barbabietola perché le patate viola le raccolgono ora e non ancora in commercio.

#contest #machecipolladegitto #cipollaegiziana #aifb

Pane di Boston

Questo pane è stato fatto durante una lezione di Roberto Potito. Ha avuto successo ed è stato fatto altre volte. Metto di seguito la ricetta di Roberto.

Pane di Boston

Si tratta di un pane dal sapore decisamente molto particolare, da consumare con i formaggi freschi oppure con le pietanze piccanti oppure da servire come alternativa alle solite tartine di pancarré.
La sua preparazione è molto semplice e non richiede alcuna maestria nella tecnica di impasto. Si tratta solo di amalgamare e cuocere a vapore.

Ingredienti:

  • 90 grammi di farina di mais fioretto a grana fine
  • 90 grammi di farina integrale di frumento
  • 90 grammi di farina di segale
  • 90 grammi di uva passa
  • 120 ml di acqua
  • 120 ml di latte
  • 120 ml di melassa
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaino di sale fino

Preparazione:

Mescolare tutti gli ingredienti ed unire per ultimo il bicarbonato. Ungere molto bene un contenitore di latta cilindrico per il caffè o prendete lo stampo adatto al pane, versate l’impasto. Richiudete con carta stagnola fissandola al barattolo con uno spago. Cuocete a vapore per novanta minuti procurandovi una pentola alta in cui avrete versato almeno 5 cm di acqua e cuocete a vapore per novanta minuti.
Fate intiepidire e poi sformate.

Nel bimby va benissimo cotto a varoma, solo che bisogna sigillare con due fogli di stagnola.

Ho contribuito con questa ricetta per la rubrica: Farina del nostro sacco 

 

Pasta al cartamo

Questa pasta è nata perché sapevo che dovevo fare uno show cooking con i prodotti di Elisir di lunga vita.
Con questa ricetta ho utilizzato insieme tutti i prodotti riuscendo a creare un piatto salutare essendo l’olio di cartamo ricco di omega 6, ma anche poco calorico avendo utilizzato verdure di stagione.
Insomma è un piatto unico.

Pasta al cartamo con crema di piselli, verdurine di stagione e fiori di cartamo

Ingredienti:

Per la pasta:

  • 450 g di Farina di grano duro
  • 50 g di farina di cartamo
  • 250 g di acqua

 

Per condire:

  • 2 zucchine
  • 2 carote
  • 2 cipollotti
  • 250 g di piselli
  • ½ peperone
  • 50 g di pecorino
  • fiori di cartamo
  • olio di cartamo

 

Preparazione:

Lavorare le due farine con l’acqua tiepida e lasciare riposare coperta. Intanto preparare i piselli, mettere dell’olio in una tegame e far rosolare mezzo cipollotto, far cuocere i piselli.
Metterli in un boccale, lasciandone da parte un po’ per il condimento della pasta, e frullarli con due cucchiai di pecorino e l’olio di cartamo.
Preparare le verdure tagliando a mirepois le verdure, mettere in una padella il cipollotto poi le carote zucchine e peperoni, farli cuocere, scolare la pasta e saltarla nella padella con verdure. Servire mettendo la crema di piselli sopra la pasta e poi un po’ di fiori di cartamo e una giro di olio.

Risotto alle rape rosse e stracchino

Questo risotto è stato preparato per il Contest di Risate e Risotti, ho voluto fare un risotto semplice e colorato ,amo i colori. In questo caso ho utilizzato la rapa rossa che dalle mie parti si utilizza poco , e aggiunto lo stracchino per donare cremosità.

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di riso carnaroli
  • 1 scalogno
  • 160 gr. di rape rosse
  • 100 gr. di burro
  • 80 gr. di Parmigiano Reggiano
  • 1,2 lt. circa di brodo vegetale
  • 100 gr. di stracchino morbido
  • 50 gr. di vino bianco
  • Sale

 

Procedimento:

Mettere un cucchiaio di burro nel tegame e aggiungere lo scalogno tritato finemente, appena è imbiondito aggiungere e tostare il riso, bagnare con il vino, lasciare sfumare. Aggiungere il brodo, il sale e cuocere per circa 12 minuti.
Togliere dal fuoco e mantecare con il burro e il Parmigiano Reggiano, poi aggiungere la rapa rossa grattugiata. Quando ben cremoso stendere nel piatto e al centro mettere un cucchiaio di stracchino e una fettina di rapa.
Preferisco lasciare un pò al dente il riso perché tra la mantecatura e l’aggiunta della rapa continua a cuocere, con il rischio di cuocerlo troppo.

“Questa ricetta partecipa al Contest Rice Food Blogger 2018 – Chef Giuseppina Carboni” presentato da
Parmigiano Reggiano

Brodo di verdure

Ingredienti:

  • 3 lt di acqua
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 cipolla
  • 1 scalogno
  • 4 carote
  • 1 costa di sedano
  • 1 patata
  • 1 zucchina
  • 1 foglia di basilico
  • 1 chiodo di garofano
  • 1 foglia di alloro
  • sale

Preparazione:

Lavare le verdure, mondarle e tagliarle a pezzi. In una pentola mettere i 2 cucchiai di olio e le verdure. Lasciar stufare per circa 5 minuti a fiamma bassa e con coperchio, mescolando di tanto in tanto. Versare l’acqua calda, l’alloro e il chiodo di garofano, salare e cuocere a fiamma bassa per 1 ora. Filtrare per eliminare le verdure.

Gara Gastronomica DiVin Mangiando

DiVin - Mangiando, Gara Gastronomica. Scarica il Regolamento e la Richiesta di Adesione!

Chi Sono

Vittoria è un folletto allegro e colorato che di professione fa la caposala ed ha capito come si può curare l’amicizia con la buona cucina!
...... continua quì

Contatti

Suggerimento

Per ricercare le tue ricette partendo dagli ingredienti, inserisci le materie prime nella casella di ricerca cliccando sulla lente (separate dalla virgola) in alto a destra. Otterrai tutte le ricette realizzabili!

Categorie

Poesia

Voglio pubblicare la poesia di una persona che oggi non c’è più, ma resterà sempre nei ricordi di tutti, parliamo di Spartaco Compagnucci, dall’aspetto burbero, ma di grande generosità.
Spartaco di poesie ne ha scritte molte, ho voluto scegliere questa perché racconta di un piatto tipico che si prepara a Tarquinia e non solo, ma noi siamo campanilisti e perciò come dice Spartaco la nostra è la migliore!

L’acquacotta

L’acquacotta che se fa a Corneto
Dall’altre parte non la sanno fa
è’na ricetta ch’emo ereditato
tutta la gente qui la viè a magnà.

Un piatto bono ch’entra nella storia
Dateme retta fatela così:
co l’oio ’na patata e la cicoria
’na mezzoretta fayela bollì.

Er foco ardente sotto la marmetta
E dopo che la stacca er su bollore
De pane ne mettete giù na fetta
Se è sciapa o se sta bene de sapore.

Non adopràcucchiaro né forchetta,
ne sta maniera sarà più squisita,
una pe’ vorta piela la fetta
in urtimo te dovrae leccà le dita.

Magnene assai, tanto nun t’abbotta.
Viva Corneto, re dell’acquacotta.

 

Poesia tratta dal libro Spartaco Compagnucci Checchibronzi.